SPIN PRESENTA UNO STUDIO CON ANALISI CFD A CAE MEETING

Alessandro Tassi è stato invitato a presentare un lavoro all’incontro CAE Meeting il 10 Marzo scorso a Reggio Emilia: gli organizzatori ci hanno spiegato che l’obiettivo dell’evento era quello di realizzare una conferenza tecnico-scientifica che si focalizzasse sull’applicazione CAE in ambito industriale con esempi e dimostrazioni pratiche, senza fronzoli.

Siamo felici che ci abbiano contattato come esperti del settore.

Ho chiesto ad Alessandro ed Umberto che hanno partecipato all’incontro e confermano che è stato proprio così: si è parlato di progetti che sono risultati vincenti e sono stati realizzati.

Il caso studio presentato da Spin

Alessandro ha illustrato le attività di Spin in ambito di prototipazione virtuale: il suo intervento ha introdotto un nostro caso studio: prima evidenziando il problema poi descrivendo la metodologia scelta e infine valutando i pro e contro del workflow utilizzato.

Il nostro studio era incentrato sull’analisi CFD di un motore ad alta velocità per trazione elettrica.

Cos’è l’analisi CFD

CFD, Computational Fluid Dynamics, è un metodo che utilizza l’analisi numerica e algoritmi per risolvere e analizzare i problemi di fluidodinamica mediante l’utilizzo del computer.

Spin si occupa di modellazione al calcolatore di macchine elettriche; essendo le macchine elettriche degli organi meccanici, oltretutto spesso soggetti a fenomeni di riscaldamento importanti, ci si deve confrontare con svariate tipologie di analisi, da quelle meccaniche, vibroacustiche, termiche e Cfd.

Come sta evolvendo la simulazione nel mondo dell’elettromeccanica? 

Questa è la domanda che Alessandro si è fatto per continuare la sua presentazione, infatti spiega che il mondo dell’elettromeccanica è piuttosto tradizionale, per cui ci si è dovuti confrontare, soprattutto in passato, con flussi di lavoro ottenuti mediante molte prove sperimentali.

Oggi le richieste sono di analisi veloci, che facciano risparmiare in termini di costi ottenibili solo con la simulazione. Senza usare programmi di calcolo questi aspetti possono portare a considerazioni errate.

L’esigenza di fare sempre più modellazione sulle macchine elettriche nasce da alcuni impulsi generali, ovvero la competizione con mondi sempre più innovativi, l’aumento delle esigenze di efficienza (le normative da rispettare), l’ottimizzazione dei costi e delle procedure di produzione.

Con questi argomenti si è conclusa la presentazione di Alessandro sull’analisi CFD che è stata eseguita dai nostri esperti.

I partecipanti erano quasi tutti ingegneri e qui di seguito potete vedere le foto scattate durante l’incontro.